City Lingual Blog

La storia del cornetto

Download the activities based on this post created by Matteo Pozzi, part of City Lingual Italian team

Beginner/Elementary Intermediate/Advanced

Questa è una storia molto estiva: non parliamo infatti del cornetto croissant ma del cono gelato più famoso al mondo.
Come e dove è nato il cornetto? Per capire ciò, dobbiamo andare indietro nel tempo fino alla nascita del gelato; è importante ricordare, però, che come nella maggior parte delle tradizioni relative al buon cibo, c'è sempre di mezzo qualche italiano…

CornettoLa nascita del gelato
Ci sono molte controversie riguardo all’origine del gelato: c’è chi dice che sia nato in Cina, dove oltre 4000 anni fa veniva consumata una pietanza a base di riso molto cotto, latte e spezie e il tutto era conservato nella neve. Altri sostengono invece che si parli di una “…bevanda dissetante a base di latte di capra e neve” addirittura nella Bibbia. Altri ancora fanno risalire l'invenzione dei dolci freddi ai tempi dei romani, secondo una ricetta del grande scrittore latino Plinio il vecchio.
Di sicuro i primi dolci freddi non erano molto simili al gelato che mangiamo oggi, ma più simili a succhi di frutta ghiacciati, o meglio sorbetti. La parola “sorbetto” deriva probabilmente dall’arabo sherbeth (bevanda fresca), un popolo che ha introdotto le tecniche di preparazione e conservazione di queste bibite in Sicilia, dove venivano usati gli agrumi del posto e la canna da zucchero.
Per l'invenzione del gelato moderno invece bisognerà attendere il Rinascimento: Caterina De’ Medici e la sua corte porteranno questo tipo di dessert a Parigi; a Firenze un certo Bernardo Buontalenti aggiungerà uova e latte alle ricette finora conosciute e, sempre in quel periodo, il siciliano Francesco Procopio de’ Coltelli si trasferirà sempre nella capitale francese e fonderà il primo caffè parigino, lo storico Cafè Procope dove le celebrità artistiche e letterarie andavano per gustare lo squisito gelato dell’italiano.

La nascita del cono
Già, ma con tutto questo gelato, bisognava trovare un posto dove metterlo.
Anche sulla storia del cono ci sono tante opinioni differenti. La più comune sostiene che il cono sia un’invenzione di Italo Marchioni, un italiano emigrato a New York che vendeva gelati “da passeggio” contenuti in bicchieri di vetro. Qualche volta però i bicchieri si rompevano, o non venivano restituiti dai clienti: da qui la creazione di un contenitore commestibile e più economico fatto di cialda e dalla forma comoda da tenere in mano, brevetto numero 746971 del 1903.

La nascita del cornetto
Eating cornettoIl cono gelato era dunque un'invenzione formidabile, ma non ancora l’invenzione perfetta: qualche volta infatti il gelato si mischiava alla cialda del cono creando una miscela acquosa e appiccicosa; altre volte, invece, non era possibile congelare il cono perché si bagnava e la consistenza diveniva piuttosto molle.
Nel 1959 un gelataio di Napoli, Spica, ha un'idea geniale: isolare l’interno del cono dal gelato grazie a una miscela di olio, zucchero e cioccolato creata con un procedimento particolare. La trovata è rivoluzionaria, e Spica decide di dare a questo nuovo e speciale cono un nome che lo legherà per sempre al capoluogo campano: cornetto, come il simpatico “peperoncino” simbolo della città e della superstizione partenopea.
La nuova e deliziosa invenzione non sarà inizialmente accolta con grande entusiasmo e purtroppo non basterà a evitare la crisi della gelateria napoletana che nel 1976 viene acquistata dalla multinazionale Unilever, la quale in seguito lancerà il cornetto su scala mondiale.
Il resto è storia!












Get in touch

Are you curious to learn more about the language courses we offer?
Drop us a message. We will get back to me as soon as possible.

Back to posts list

Latest Posts